HIS MASTER’S VOICE.

Vi è mai capitato di incontrare questo logo su un vecchio disco o dietro la copertina di un cd? O magari in un’installazione d’arte o in un dipinto? Chi non l’ha mai visto potrebbe pensare che sia stato inventato per simpatia verso i cani o per moda, ma in realtà il piccolo Jack Russel, intento ad ascoltare i suoni che provengono dalla tromba di un grammofono, è esistito davvero: il suo nome era Nipper. Si chiamava così perchè pare avesse l’abitudine di ricevere gli ospiti del suo padrone con una mordicchiata nei polpacci! Questa di certo non era una virtù, ma questo cagnolino doveva avere qualcosa di veramente speciale! Dopo la morte del suo padrone Mark Henry Barraud nel 1887, il fratello Francis continuò a prendersi cura di lui.
Francis era un’artista e oltre al piccolo cagnolino aveva ereditato un grammofono e numerevoli dischi del fratello, che si era divertito a registrare la sua voce. Nell’ascoltarli Francis si accorse che Nipper, tutto agitato, guardava nel cilindro del grammofono in cerca del suo vecchio padrone. La scena era commovente e Francis la mise su tela, chiamandolo ” His late masters voice”. Più tardi cambiò il titolo in “His masters voice” per non intristire troppo chi lo leggeva. Questo dipinto presto diventò logo ed icona. Venne acquistato, dopo alcune modifiche, dalla casa discografica britannica Grammophone per 100 sterline e poco dopo usato in versione semplificata dal loro partner americano Victor Records.
Nel frattempo Nipper raggiunse il suo padrone in cielo e come casa per lui venne scelto un parco magnifico circondato di alberi di magnolia. Il suo successo però non cessò e diventò la mascotte della catena HMV.
Ora troviamo Nipper in versione gigante in cima al palazzo ad Albany, New York, con un maestoso peso di 4 tonnellate e inoltre in un mosaico di vetro che decora una grande finestra del Nipper Tower. Insomma, quel dipinto ha dato origine ad una varietà di prodotti, reinterpretazioni e pubblicità… ed ecco che me lo ritrovo anche qui, sulla cover di “Phrazes for the young” seduto ai piedi di Casablancas, quasi come se avesse trovato il suo padrone, ignaro di essere il secondo più famoso nella foto….