IL DIARIO DI VIOLA.

Io sono un cane fissato, ma fissato, fissato. Ho delle fisse che voi umani non immaginate neanche. Vi avevo già detto che non amo la pioggia. Non posso uscire quando piove. Non è minimamente immaginabile che mi bagni i capelli, le zampe, il mio amato corpicino con dell’acqua che cade insulsamente dal cielo. E allora non esco. Ho provato in tutti i modi a nascondermi, ma non riesco a capire come… mi trovano. La mamma e il papà mi mettono il giubbotto e la pettorina speranzosi che possa uscire, ma… niente! Arrivati vicino alla porta di casa, MI IMPUNTO. Punto tutti i miei 27 chili di bulldog. Ho imparato dalle mie sorelle gatte come fare. Inarco i piedini e mi ancoro con le unghie al pavimento. Riesco anche a togliermi la pettorina. Ormai sono una perfezionista delle fughe. E ci riesco, sapete? Alla fine, la mamma e il papà ci rinunciano e io mi rituffo sul mio amato divano, incurante di tutto e di tutti. ;)
… E poi non mangio da sola. Voglio essere imboccata. E se non lo fanno, abbaio, rincorro le gattine fingendo di volermele mangiare, piango, mi sbatto a terra fino a quando la mamma s’impietosisce e mi dà la pappa. Un mito di cane!
… E devo dormire nello stesso punto del divano. Se qualcuno occupa il mio posto, mi ci siedo sopra e, volente o nolente, mi ritrovo sdraiata, da sola. In breve tempo, il divano è libero.
Eh… ho un elenco infinito di fisse, ma quel che è bello, è che tutti mi vogliono bene per come sono. Con i miei pregi e miei difetti. Perchè, anche se i miei genitori provano a farmi cambiare idea, sanno che sono testarda e che non riusciranno mai a farmi fare quello che vogliono loro. Io sono un cane pensante e non posso scendere a compromessi. L’ho promesso al mio IO.
Alla prossima amici. Vi voglio bene. Viola the Princess of the Universe :)