ABOUT PET-THERAPY.

Con il termine Pet-Therapy s’indica una serie complessa di utilizzi del rapporto uomo-animale in campo medico e psicologico.
Personalmente credo molto in questo tipo di terapia: la presenza di un animale, che sia esso un cane, un gatto, un coniglio (ovviamente scelto con cura da persone esperte del settore), risveglia l’interesse di chi gli è vicino.
La Pet-therapy è utile sia per bambini ed anziani, sia per malati e disabili con problemi psichici e fisici: queste persone possono realmente migliorare la qualità e le loro condizioni di salute grazie all’assistenza di questi preziosi animali.
I “prescelti” sono docili e molto affettuosi, alla ricerca d’affetto sia da donare che da ricevere, ed è bellissimo vedere quante sensazioni positive possano suscitare nelle persone malate. I bambini in primo luogo sviluppano un feeling reale con l’animale; hanno un nuovo amico che vuole solo il loro affetto e contatto e che contraccambia con tante feste gioiose.
Anche l’lppoterapia è una metodica molto efficace, soprattutto per bambini che soffrono di paralisi celebrale infantile, autismo o sindrome di down; è una terapia che necessita di più personale specializzato, ma che, a mio parere, rende la terapia ancora più utile: il paziente non solo ha un contatto con l’animale accarezzandolo, pettinandolo ecc.., ma deve cavalcarlo e questo crea un legame ancora più stretto e aiuta molto a migliorare la coordinazione.
Concludo dicendo che i nostri amici animali possono esser davvero la nostra salvezza; impariamo ad amarli e a rispettarli come meritano.

Orsola Grignani