CARLINO.

- Nazionalità: Gran Bretagna. Ufficialmente l’origine è orientale e i primi soggetti probabilmente giunsero nel 1600 da Cina e Giappone (dove la razza era già conosciuta da secoli) in Olanda, dove vennero chiamati Mopshond. Ma non tutti gli studiosi concordano con l’ipotesi di una formazione orientale del Carlino e alcuni sostengono che la miniaturizzazione di questi molossi avvenne nel nostro continente, in Inghilterra o in Russia. Certo è che a partire dal 19esimo secolo la razza fu fissata e selezionata definitivamente con cura in Inghilterra.
- Descrizione razza e carattere: il carattere del Carlino è l’elemento che ne determina l’originalità; espansivo, diretto, aperto, leale, amichevole. Con chi non conosce è riservato, ma basta poco per conquistare la sua amicizia (sia pur non molto espansiva agli inizi). Per i bambini è uno straordinario compagno di giochi. Dai suoi discendenti molossi ha ereditato una certa cocciutaggine, che talvolta lo rende irremovibile nelle sue decisioni. Ecco perchè è utile insegnargli, fin dalla più tenera età, ad ubbidire. Ricordiamo però che il Carlino non sopporta i modi brutali e desidera capire il motivo per il quale gli viene vietato o richiesto qualcosa; è importante dettare le regole di comportamento fin da quando è giovanissimo in modo gentile e amorevole, ma anche fermo e coerente.
- Toelettatura e movimento: gli occhi del Carlino sono delicati e vanno tenuti sempre puliti, specie se la lacrimazione è abbondante. Quando la temperatura non è troppo elevata, deve fare regolarmente moto; bisogna sempre tener conto della sua struttura fisica però, quindi vanno bene passeggiate (anche lunghe), ma senza pretendere che accompagni il padrone in una gita in bicicletta o in altre attività molto veloci e stancanti.
- Il suo padrone ideale: è colui che avrà la possibilità di stare molto tempo con lui e che potrà tenerlo il più possibile con se in viaggio, al lavoro, in casa, nel tempo libero. La straordinaria intelligenza, che è patrimonio della razza, e la grande sensibilità, trarranno giovamento dall’assiduo contatto con il padrone e i membri della famiglia. Chi ha avuto per compagno un Carlino ben difficilmente si accontenterà di un’altra razza.
- Note: è importante non esporre il nostro amico a caldo o sole molto forte.