CAT OF THE DAY.

Felice, 7 years old.

IL DIARIO DI VIOLA.

Io sono un cane e come tale vi guardo dal basso verso l’alto. La mia testa e’ proiettata verso l’alto perchè vorrei tanto essere come voi. Ho letto in un libro che gli animali che stanno a contatto con gli umani si reincarneranno in persone nella prossima vita. Beh’, io ci spero! Mi sto impegnando tanto per apprendere quanto più posso da voi esseri a due piedini, ma una caratteristica non la vorrei mai perdere. Non vorrei mai guardare le persone dall’alto verso il basso. Vorrei sempre avere l’umiltà che ci contraddistingue e ci fa essere unici! Baci baci, Viola.

DOG OF THE DAY.

Luna from Colombia, 1 year old.

IL SESTO SENSO.

Nel dicembre del 2004 uno tsunami violentissimo devastò gran parte dell’Indonesia, Thailandia e Sri Lanka. Più di 230.000 persone morirono, e case e interi paesaggi furono distrutti.
Eppure c’è una parte di questa tragedia, che sembra non tornare…
Una delle aree devastate dello Sri Lanka era una riserva faunistica, dove vivevano scimmie, leopardi, bufali, elefanti e circa 130 specie di volatili, ma nonostante ciò, alla fine del disastro, nessuna carcassa fu ritrovata.
Come hanno fatto a fuggire dall’onda gigante?
Gli animali, raccontano gli abitanti sopravvissuti, avevano iniziato a comportarsi in modo strano molto prima che lo tsunami colpisse l’isola: gli elefanti correvano urlando verso un terreno più elevato, un cane si era rifiutato di andare a spasso sulla solita spiaggia, dei fenicotteri avevano abbandonato i loro nidi per spostarsi su una collina più alta… coincidenze o la prova che esiste il sesto senso negli animali? Ci sono altri esempi che confermerebbero l’esistenza di tale:
- Nel settembre 2003 un medico giapponese affermò di poter prevedere i terremoti basandosi sul comportamento dei suoi cani, che diventavano irregolari e ansiosi prima di un pericolo.
- Nel 1975, dei funzionari cinesi evacuarono la città di Haicheng dopo aver osservato un comportamento assai strano da parte degli animali. Pochi giorni dopo, la città fu colpita da un violentissimo terremoto.
- Nel 373 a.C., la città greca di Elici fu colpita da un potente terremoto. In alcuni antichi scritti viene raccontato che tutti i cani fuggirono dalla città poco prima della distruzione.
Non ve lo nascondo, sono una romantica, mi piace crogiolarmi nell’idea un pò mistica di un sesto senso, attorniato da quel fiato di mistero che, in fondo, non vorrei fosse mai svelato. Ma come sempre, anche questa volta esistono spiegazioni scientifiche a queste domande.
Quello che, una persona romantica come me, chiama sesto senso, viene scientificamente interpretato come un’ottimizzazione dei basici cinque sensi: vista, udito, gusto, tatto e olfatto.
Un cane, per esempio, sente suoni di un’intensità quasi vicina a quella degli ultrasuoni, circa 40mila hertz, e può percepire fino a 100 mila vibrazioni (l’uomo ne può percepire solo 30mila).
Non solo, ma la mobilità delle orecchie gli permette di localizzare perfettamente la direzione da cui proviene il suono, aumentando ulteriormente l’efficacia dell’udito; tra i 1.000 rumori, il cane sa riconoscere quelli che gli interessano, ad esempio il motore della macchina del padrone o il rumore dei suo passi (ecco perché iniziano ad agitarsi e a festeggiare prima che egli abbia suonato il campanello di casa).
Niente di magico quindi, ma davvero straordinario.
Molti animali hanno un senso dell’olfatto esteso, grazie all’organo di Jacobson (= organo vomeronasale), in grado di rilevare quantità minuscole di sostanze chimiche, come i feromoni. Le cellule olfattive di un cane superano, a seconda della razza, i 100 milioni, ed arrivano anche a 200milioni nel Pastore Tedesco (anche qui, nell’uomo arrivano appena a 5 mila).
Ma non è tutto… è vero, i cani sono capaci di «predire» l’arrivo di un terremoto o di un temporale. Quando l’evento è imminente, il cane si mette in allarme, corre per la casa, ansima, trema e guaisce come se si trovasse in una situazione di grande pericolo; è una risposta del cane ai cambiamenti della pressione barometrica, o forse anche alle alterazioni che si verificano nel livello di elettricità statica. Arrivata a questo punto, inizio a sentirmi un pò misera con i miei 5 sensetti sottosviluppati… a mala pena riesco a sentire la sveglia la mattina!
Ma torniamo ai nostri cari: loro ci possono salvare la vita se riusciamo a capire i loro comportamenti. Sempre a proposito di terremoti, gli animali sono in grado di sentire le onde sismiche attraverso il terreno per via di sensori corpuscolari nelle articolazioni; gli elefanti, ad esempio, sono particolarmente sensibili e possono individuare addirittura altri loro simili in base all’onda d’urto sismica che la loro massa produce. Pertanto, essi sembrano rilevare i terremoti molto prima di altri animali.
Un’altro esempio di salvavita sono i canarini; loro sono più sensibili alla presenza di metano nell’aria rispetto agli esseri umani, così quando i minatori li sentivano cinguettare sopra le miniere di carbone, sapevano che era ora di andarsene.
Esistono poi sensi che vanno al di là di quelli basici… vi siete mai chiesti come fanno i piccioni viaggiatori a ritornare “a casa”? La spiegazione è che sono in grado di rilevare i poli magnetici che li aiutano nella navigazione; le loro teste contengono cellule con magnetite (ossido di ferro) ed i cristalli si allineano come quelli di una bussola. Anche un cane può ritrovare la via di casa da grandi distanze percorrendo territori a lui sconosciuti, e ciò è dovuto alla percezione dei cambiamenti che si verificano nel campo magnetico terrestre, anche se (e qui gioisce la romantica), non è ancora chiaro come l’animale possa individuare tali indicazioni magnetiche.
La natura ha così tanto da insegnarci e, dopo tutte le cose che ho scoperto scrivendo quest’articolo, io umana mi inchino davanti alle capacità degli animali.
Vi saluto citando una frase letta 10 anni fa e mai più scordata:
L’UOMO È SOLO UN’ONDA NELL’OCEANO DELLE SPECI, CHI GLI HA PERMESSO DI SOTTOMETTERE E MALTRATTARE GLI ANIMALI?

DOG OF THE DAY.

Erika, 6 years old.

ROCK’N DOGS.

Ed eccoli anche qui i nostri amici pelosi, sulle cover degli album rock più famosi!
Rock’n dogs baby!

PET DELICIA.

Ecco un’idea VERAMENTE innovativa e, udite udite, questa volta non l’ha inventato un americano, ma bensì una coppia di brasiliani! Nel quartiere di Copacabana, a Rio de Janeiro, Roberta Camara e il marito Jorgen, hanno aperto un vero e proprio ristorante per animali! Si chiama Pet Delicia e li si può ordinare un buon pasto sano e fresco per il vostro amico, studiato da un nutrizionista e realizzato da un gruppo di cinofili, in una cucina pulitissima. I cuccioli ricevono i loro pasti in ciotole molto estetiche, decorate con delle carote a forma di zampette, ossa e stelline. E mentre i quadrupedi si godono il pranzo, i padroni scattano foto e socializzano tra di loro. Esiste un menù leggero per cagnolini paffuti e a breve arriveranno anche pasti speciali per i gatti. Sarebbe così simpatico avere una cosa del genere anche qui da noi… per caso c’è qualche chef che sta leggendo?!
Buon inizio settimana a tutti,
Peace & Dogs,
Mg e Fabee

DOG OF THE DAY.

Cody, 4 years old.

LIVE SIMPLY, LOVE GENEROUSLY.

DOG OF THE DAY.

Riccardo, 2 years old.