“I PENSIONATI”.

Oggi vogliamo riprendere un argomento già trattato, ma a noi molto caro perché quando ami qualcuno vuoi solo il meglio per lui!
Detto questo sappiamo benissimo che a volte non abbiamo scelta e dobbiamo partire senza il nostro amico a 4 zampe, anche se ormai ci sono molti posti e molti mezzi che ti danno l’opportunità di goderti le vacanze anche con lui… e diciamocelo: TWO IS MEGLIO CHE ONE!!
Anyway, oggi ho deciso di condividere con voi alcuni consigli trovati sul Dizionario Bilingue, sperando che vi possano essere d’aiuto a prendere la decisione giusta e a trovare la soluzione ideale per voi e il vostro amico!

PENSIONE: Edificio dove si ospita un cane per un periodo di tempo definito. 
La situazione tipo: il cane arriva in una pensione e si spaventa nel vedere la sistemazione e il gestore.
A cosa pensa il cane: “Non voglio stare in pensione”.
Traduzione CANE-ITALIANO:
Prima e durante la pubertà, il cucciolo è molto sensibile all’ambiente in cui vive. Ogni evento stressante può provocare in lui paure e fobie. E’ quindi preferibile evitare la pensione. Se non potete fare altrimenti, prima di portarcelo, verificate senza preavviso che la sistemazione e il personale siano validi. Se vi convince, fate fare al cucciolo una giornata di prova per essere sicuri che tutto andrà per il meglio (in caso il vostro cucciolo fosse particolarmente ansioso esistono i collari diffusori di feromone tranquillizzante in vendita dal veterinario). Dopo la pubertà, la reazione dipende dalla posizione che riveste in famiglia.
Se non svolge il ruolo di coordinatore, accetterà senza lamentele la vostra partenza, soprattutto se gradisce il personale della pensione. Al contrario, se è il coordinatore, rischiate che non la tolleri (il cane coordinatore controlla i movimenti dei membri della famiglia).
Ecco alcuni consigli per chi lascia in custodia il proprio animale durante le vacanze.
- La pensione: fatevi consogliare da amici o dal vostro medico veterinario. L’ideale è sperimentare la pensione prima delle vacanze, per 1 o 2 giorni.
- La custodia a domicilio: ideale per i cani più anziani.
- La famiglia d’accoglienza: è un’alternativa più piacevole alla pensione. La soluzione migliore è affidare il vostro cane o gatto a una persona che già conosce. Anche qui però per evitare sorprese fategli fare una prova prima della partenza.
- Le visite a domicilio: è la soluzione ideale per le assenze brevi massimo un we!). Una persona va a casa vostra per nutrire, distrarre e portare fuori il cane una o più volte al giorno.

Per partire sereni e con il cuore in pace ricordate di lasciare al custode del vostro cane il libretto sanitario con le ricette se assume dei farmaci, il recapito del medico veterinario, il vostro numero di telefono, il cibo in quantità sufficiente, la sua copertina e dei vostri effetti personali come una vostra maglietta non lavata (sentendo il vostro odore lui saprà che tornerete da lui!).
Informatelo di come il vostro compagno a 4 zampe ama passare il tempo, le ore dei pasti, delle uscite, del riposo e tutte le sue piccole e care abitudini!

Comprendere e conoscere come il cane si esprime rappresenta un valore aggiunto straordinario alla vita in compagnia dei nostri inseparabili amici. Il cane ci tiene compagnia ed è in grado di capirci, sa quando siamo felici o quando siamo tristi. Spesso è lui a comprendere i nostri stati d’animo e i nostri bisogni… adesso tocca a noi imparare a capirli… 
On. Francesca Martini 
Sottosegretario alla Salute

Fonte: Dizionario bilingue Italiano/Cane – Cane/Italiano.