MERRY CHRISTMAS!

 

We can’t go on pretending day by day
That someone, somewhere will soon make a change
We are the world, we are the children
We are the ones who make a brighter day so let’s start giving

Abbiamo pensato molto a come farvi gli auguri di Natale amici, ma fino a ieri buio totale! Son sempre scontati gli auguri e a volte anche poco sentiti, ma noi non vogliamo questo, noi vogliamo crederci!
Ieri sono inciampata per caso nella canzone “ WE ARE THE WORLD”… lo so, un cliché e anche un po’ sdolcinata, ma insomma il motto di noi lovedogbloggers è Peace and Dogs perciò… in qualche modo siamo esonerate! ;)

Per la prima volta ho fatto veramente attenzione al profondo significato del testo, e ho capito che non c’erano altre parole che volevo dedicarvi….
Una volta da piccolina lessi una parabola indiana che più o meno raccontava cosi: “un giorno in una foresta scoppiò un incendio… tutti gli animali preoccupatissimi iniziarono a correre al lago per trasportare con la bocca dell’acqua per calmare le fiamme. C’erano elefanti, leoni, giaraffe… insomma tutti animali grandi e grossi, ma non erano gli unici… ad un certo punto infatti un elefante si accorse di un colibrì che correva su e giù tutto indaffarato e decise di chiedergli cosa stava facendo. Sapete cosa rispose il piccolo uccellino? Rispose che lui sapeva di poter trasportare una sola goccia nel suo becco, ma anche una sola goccia avrebbe potuto aiutare gli altri animali a salvare la loro foresta, la loro casa.
Lo so, sembra più un’utopia che un augurio, ma non è cosi ragazzi!
Ognuno di noi nel proprio piccolo può, e ormai DEVE fare di meglio! Una carta in meno buttata a terra, un saluto in più a chi ci sta vicino, un sorriso in più a chi ne ha bisogno, un grazie in più anche solo a chi ci fa attraversare la strada, una carezza in più a chi si sente solo….
Piccoli gesti da GRANDI.

Chiedete alla persona che si riflette nel vostro specchio di cambiare il mondo… il suo messaggio sarà chiaro: “se vuoi un mondo migliore, guardati dentro a fai questo cambiamento!”.

Vi auguriamo di avere sempre un motivo per ridere.

Buon Natale e Felice Anno Nuovo,
Ci rivediamo a gennaio,

Le Lovedogbloggers

CHRISTMAS EVE

HAPPY XMAS

 

And so this is Xmas (war is over)
For weak and for strong (if you want it).
For rich and the poor ones (war is over).
The world is so wrong (if you want it).
And so happy Xmas (war is over)
For black and for white (if you want it).
For yellow and red ones (war is over).
Let’s stop all the fight (now).

A very Merry Xmas
And a happy New Year
Let’s hope it’s a good one
Without any fear.

John Lennon e Yoko Ono, Happy Xmas (War Is Over), 1971

WHAT BROUGHT US TOGETHER

CHRISTMAS TO DO’S

WILD THING

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bill McShea has traveled to China more than 20 times as a research ecologist in search of pandas–or at least signs of them–while working with conservation parks eager to monitor their wildlife.

“That’s my living. You’d be surprised how few wildlife I see,” says McShea, an ecologist with the Smithsonian Conservation Biology Institute. “You just never see them. If you are wildlife living in some place like Asia, you’re running for your life every day of the week. You’re not standing around waiting for somebody to take a picture of you or get you in their gun sights.”

 

Photo credit: Bill McShea
Snapped By Hidden Automatic Cameras
Discovered on CO.EXIST

UN CHIEN ET UNE FEMME – PART 9

 

Un romanzo a puntate di Pamela Giorgi, Parte 9

Questa volta dovrei intitolare il mio racconto “il Conte di Montecristo”, ovvero macchia e la libertà. Mi spiegherò meglio. Da qualche tempo a questa parte macchia il perfetto ha compreso che al mondo non esisto solo io, e io da compagna umana indulgente, me ne compiaccio. Me ne sono compiaciuta. Me ne compiacqui. Infatti ogni mattina alla precisissima ora di 7.07 il canide inizia a leccarmi la faccia, a scondinzolare, ad uggiolare. Io mi trascino fina alla porta e gliela apro. A questo punto macchia scatta come se dovesse competere con la velocità della luce. Da qui in poi il mio resoconto non può che essere vago. L’ho ritrovato nel giardino della vicina, nella stradina posteriore a casa mia, in compagnia di altri cagnacci di dubbia reputazione, da solo sul marciapiede ad osservare pensoso casa etc. etc. etc. I primi tempi mi dolevo delle sue fughe, pensando che fosse un modo ben antipatico di ripagare il mio amore. Poi però lo guardo che torna a casa soddisfatto, rosicchia il suo osso di chianina sotto il tavolo, fa la guardia alle mie pantofole, mi dorme accanto sul divano, e ho capito che la libertà è sorella dell’amore, senza di essa l’amore non avrebbe senso, non avrebbe sapore. Come una ciotola senz’osso. Slurp.

 

 

Pamela compie i suoi studi tra Pavia e Brescia. Si occupa di ufficio stampa e comunicazione per il settore industriale. La sua passione per la poesia è sfociata in una prima raccolta dal titolo “Svelata” per Lupo Editore. Alla sua implicita passione per i quadrupedi canini se ne sommano molte altre. E’ infatti una instancabile sportiva, una lettrice vorace e un’appassionata di moda.

TO MY FRIENDS

Because this is true friendship. Because we love each other. Because we’ve been awful good girls.

Merry Christmas !

WE WOOF UA MERRY CHRISTMAS!

HOW TO CATCH SANTA

Source: pusheen.com